A Dario Ferrari e Carlo Dognazzi intitolati i campi di tennis centrali

Questo articolo è presentato da:

Si è svolta presso la Canottieri Baldesio la significativa e “dovuta” cerimonia, che ha visto dedicare i campi di tennis centrali a due grandi sportivi e soci: Dari Ferrari e Carlo Dognazzi.

Mario Ferraroni, presidente della società rivierasca per diversi anni, ha avuto il compito di ricordare i due soci e di presentare l’iniziativa, voluta ed approvata dal precedente Consiglio Direttivo.

Ferraroni ha ricordato le figure dei due soci, che seppur con personalità e caratteri diversi, erano accomunati dalla grande passione per il tennis e dall’amore per la “Balde”, una seconda casa per loro e molti di noi.

Il consigliere del tennis Tomaso Tavella ha ricordato il curriculum sportivo dei due tennisti, che seppure con caratteristiche tecniche ed atletiche differenti, ben si completavano formando un duo affiatato e molto competitivo, che si aggiudicò numerosi ed importanti titoli (oltre a quelli vinti singolarmente), tra cui i “master over 45 e 55” di doppio nel 1983-’85-’87-’90 e a squadre.

Per l’attaccamento ai colori sociali, al fair play e alla passione per il tennis, Dario e Carlo furono un vero esempio e grazie a loro il tennis ebbe alla Baldesio un grande seguito, tra i soci, giovani e non.

Alla presenza dei familiari di Dario, i figli Pia e Francesco, e il genero Emiliano Bosisio, e quelli di Carlo, la signora Carla e la nipote Yannike (figlia del figlio Tommy), sono state scoperte le due targhe all’ingresso dei campi, con i loro nomi.

La loro avventura di sport e di amicizia continuerà per sempre: fianco a fianco in un interminabile ed appassionante “long set”.

La cerimonia è stata seguita da un numeroso e commosso pubblico, di soci e non, già presente alla Baldesio per la conclusione del Memorial “Dario Day”. Evento giunto alla settima edizione e voluto dai familiari di Dario Ferrari, perché giocando a tennis e in modo conviviale, lo si potesse ricordare ed onorarne la memoria. Tanti i tennisti cremonesi e quelli giunti dalle molte località dove Dario aveva saputo creare e coltivare rapporti saldi e duraturi, grazie al suo carattere, alla sua personalità ed alla sua classe.

Per tutti i partecipanti la maglietta ufficiale della giornata (quest’anno di colore giallo), targhe ai vincitori e premi a coloro che si sono distinti durante il gioco.

Un grazie di cuore alla famiglia di Dario Ferrari che ha consentito lo svolgimento di questo Memorial, ben riuscito e ben organizzato e a tutti un arrivederci al prossimo anno per l’ottava edizione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here